1
2

Esperienza

Formazione

  • Laurea in Medicina e ChirurgiaUniversità degli Studi di Firenze1993

Esperto in

Lingue

  • Italiano
  • Inglese

Servizi

  • Prezzo
    Prezzi orientativi per pazienti privati.

Recensioni su Dott. Enrico Barbanti

Consigliabile

Sintesi basata su 2 recensioni

Puntualità

Attenzione

Installazioni

Sei stato visitato da Dott. Enrico Barbanti?

Lascia una opinione

"un sentito ringraziamento a tutta l'equipe del reparto di chirurgia vascolare, staffe medico dott. Barbanti dell ospedale San Giovanni di Dio di Firenze ! grazie"

Paziente visitato da Dott. Enrico Barbanti nel Ospedale San Giovanni di Dio, Via di torregalli, Firenze

"volevo ringraziare il Dott dell'ottima competenza medica e grande umanita'dimostrata"

Paziente visitato da Dott. Enrico Barbanti nel Ospedale San Giovanni di Dio, Via di torregalli, Firenze

Risposte di Dott. Enrico Barbanti

6 Risposte

1 Esperti d'accordo

1 Pazienti riconoscenti

Dott. Enrico Barbanti sta rispondendo a domande che i pazienti inviarono a Doctoralia.
Più informazioni

Le domande saranno inviate dalle pagine di malattie, prove o medicinali.

Tutti gli esperti Doctoralia possono rispondere alle domande inviate degli utenti.

Non si può fare una domanda ad un professionista in particolare.

Come tutti gli interventi chirurgici comporta un rischio, seppur minimo, che dipende anche dall'età del paz., dalle comorbilita', dalla metodica utilizzata (radiofrequenza, chirurgia, scleroterapia etc) e da dove viene eseguito, sala operatoria o amb e presenza o meno di anestesista

  • Grazie 0
  • 1 esperto sta d'accordo

Dott. Enrico Barbanti

Chirurgo vascolare

Firenze

Buongiorno, il Vessel ha attività antitrombotica lieve-moderata, comunque anche con gli anticoagulanti maggiori non esiste la certezza della esclusione della formazione di trombi.

Dott. Enrico Barbanti

Chirurgo vascolare

Firenze

Si tratta di due farmaci con meccanismo di azione diverso, l'eparina a basso peso molecolare ha prevalente attività antitrombotica e presumo sia stata somministrata anche per l'effetto antitrombotico periferico, infatti mi sembra di capire dalla domanda che la Sig.ra ha difficoltà deambulatorie dopo l'evento ischemico e in questi casi è indicata una profilassi antitrombotica, il Cardirene è un antiaggregante piastrinico che ha prevalente effetto sul circolo arterioso, comunque i due farmaci possono essere somministrati contemporaneamente, sempre dietro controllo medico dei Colleghi che hanno in cura la Sig.ra

Dott. Enrico Barbanti

Chirurgo vascolare

Firenze

Vedere le 6 domande risposte da Dott. Enrico Barbanti

{0}{1}
Per offrire un miglior servizio utilizziamo cookies nostri e di terzi. Continuando accetta la nostra politica di cookies. Più info. X